Giochi educativi-bobina di Tesla

bobina di tesla_ladyenergylab.net

Giochi educativi-bobina di Tesla, in semplici brevi parole, per la comprensione di tutti!

La bobina di Tesla (Tesla Coil) è un trasformatore molto speciale, ideato da Nikola Tesla, che possiamo comunque dividere in tre elementi principali: l’avvolgimento Primario, l’avvolgimento Secondario e il nucleo risonante (la buona cara aria che respiriamo).

la BT (bobina di Tesla) genera correnti elettronegative che, rispetto alle correnti ordinarie, hanno la proprietà di propagarsi nello spazio in modo non convenzionale rispetto alle leggi dell’elettromagnetismo.

Grazie allo speciale avvolgimento “Bifilare” inventato dallo stesso Nikola Tesla, l’accoppiamento tra il Primario e il Secondario avviene senza bisogno di un nucleo di ferro (o ferrite) come nei comuni trasformatori;

Com’ è possibile?


Il Primario diffonde un campo magnetico (elettronegativo) che si trasmette al Secondario, in maniera analoga o simile a quanto avviene tra un radio-trasmettitore e a un radio-ricevitore.

Vediamo in breve i componenti utilizzati per la costruzione della BT, e qual’è il mio risultato finale:

Componenti della BT

  1. Primario: avvolgimento “Bifilare“ da 4 spire di filo bipolare sezione 1mm
  2. Secondario: l’avvolgimento da 500 spire di filo smaltato, sezione 0,20mm
  3. Sfera in acciaio Inox alla sommità.
  4. Circuito elettronico: permette di creare impulsi elettromagnetici alla frequenza di 3Mhz (3 milioni di impulsi al secondo) necessari per pilotare il primario.
    1. il circuito elettronico di controllo è alimentabile con una pila da 9v (si consiglia ricaricabile, in seguito vedremo perché), oppure con un alimentatore da 12v in corrente continua (DC). (vedi schema elettronico alla fine dell’articolo)

Ho voluto costruire la bobina di Tesla dandogli carattere, colore e semplicità. Essa è portatile, pronta per far bella figura in qualsiasi situazione davanti ai vostri amici parenti o conoscenti, stupendoli della vostra magia!

Per poter giocare e utilizzare la bobina di Tesla al meglio, ritengo sia necessario andare un po avanti con alcune spiegazioni. ti prometto che questa fase teorica finirà per dare spazio al divertimento.

Cos’è capace di fare la bobina di Tesla?

Bobina di tesla_ladyenergylab.net
evoluzione della Bobina di tesla

Nella foto mostro come la bobina di Tesla sia capace di generare un campo elettromagnetico (elettronegativo), attorno a se, in grado di accendere lampade al neon o led a bassa potenza , semplicemente avvicinandoli senza nessun tipo di contatto.

la BT è capace anche di ricaricare batterie/condensatori semplicemente avvicinandoli, nello stesso modo in cui accade con un tubo al neon, solo avvalendosi di un paio di diodi ad alta tensione opportunamente collegati a guisa di raddrizzatore-antenna.

Non ti preoccupare di questi paroloni…non è necessario che tu comprenda tutto subito. Ti basti sapere le nozioni base. Ti assicuro che equipaggerò il mio gioco educativo con tutti i gadget necessari per poter sperimentare al meglio questi principi.

Approfondimenti

tutti i trasformatori hanno, per essere tali, almeno due avvolgimenti, di fatto due bobine.

Prima di tutto bisogna specificare che nei normali trasformatori è presente un nucleo di ferro (o ferrite) per far comunicare (accoppiare) gli avvolgimenti tra di loro.

Ho detto anche che la BT è un trasformatore molto speciale, ma non solo, per il motivo che non contiene ferro al suo interno, ma è avvolta in aria.

Vi chiederete allora, come fanno a comunicare (accoppiarsi) i due avvolgimenti tra di loro senza un nucleo ferro?. Ebbene l’accoppiamento è possibile perché il Primario, cioè la bobina a cui vengono mandati gli impulsi direttamente dal circuito di controllo, è avvolta ed è collegata in una maniera molto particolare, secondo lo schema bifilare.

Bobina Bifilare

A differenza di una normale bobina, la nostra bobina bifilare è composta da un numero specifico di avvolgimenti/spire a doppio filo, come due bobine compenetrate, con la fine della prima collegata all’inizio della seconda.

Nel brevetto, Tesla spiega che questa bobina bifilare amplifica l’energia, anche innalzando la tensione in modo considerevole.

Se a fronte di una tensione di 2,5v per spira (totale 9v) un trasformatore convenzionale avvolto in aria, con un secondario di 500 spire produrrebbe 1250v, la BT che invece conserva 9v elettronegativi per spira dovrebbe produrre 4500v ma in ragione dell’amplificazione della bobina stessa andiamo ancora oltre. Straordinario!

Nota

Ho iniziato a costruire Giochi educativi con l’idea di far divertire tutti quei bambini, ragazzi e perché no anche adulti, che hanno voglia, interesse e curiosità di apprendere qualcosa di diverso. Di scoprire i principi dell’energia.

Continuiamo dunque con altre due chicche:

Con questa tecnologia Tesla è stato capace di creare un apparecchio in grado di raccogliere e sfruttare l’energia dell’etere, o se vogliamo più genericamente del campo “elettromagnetico” terrestre.

Già diversi lustri fa Eric Dollard ha dimostrato che in realtà la BT non è un dispositivo per aumentare la tensione a livelli molto alti, ma al contrario lo scopo principale di Tesla era quello amplificare la componente radiante. Quindi l’amplificazione di energia.

Cosa puoi fare tu?

Vuoi fare un regalo diverso dal solito per gli appassionati di elettronica?, oppure, vuoi insegnare e far divertire tuo figlio con questo Gioco educativo? o semplicemente tu stesso sei interessato alla bobina di Tesla e altri prototipi di Giochi educati?

Ebbene se la risposta a queste domande è SI, non esitare a contattarmi.

Risponderò a qualsiasi tua domanda, curiosità o chiarimento. Mandandomi il tuo indirizzo sarò in grado di spedirti il pacco dritto a casa tua.

il pacco comprenderà: la nostra cara bobina di Tesla, due “soldatini led” per iniziare a giocare e una pila da 9v. Per qualsiasi gadget aggiuntivo, mi preoccuperò di preparare una lista, così che tu possa scegliere con che cosa continuare i tuoi esperimenti.

Contattami My Gallery My Youtube Catalogo

Prodotti al fai da te!

0
20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *